Alimentazione e allattamento al seno: cosa c’è da sapere?

by Giorgia
Qui troverai alcuni suggerimenti per prenderti cura della tua alimentazione durante l’allattamento al seno.

Così come durante la gravidanza, prendersi cura della propria alimentazione anche quando il pargoletto è venuto al mondo è fondamentale.

È infatti il latte materno a fornire tutte le sostanze nutritive necessarie al bambino durante i suoi primi mesi di vita ed è per questo importante che il regime alimentare della mamma sia sano ed equilibrato. E allora, cosa mangiare durante l’allattamento?

Alimentazione e allattamento al seno: prima di tutto il giusto equilibrio

Le regole base dell’alimentazione in gravidanza valgono anche adesso che stai allattando: punta ad avere una dieta varia ed equilibrata dal punto di vista nutrizionale, integrando quotidianamente proteine, grassi sani e vitamine, prediligendo:

  • Frutta e verdura, preferibilmente di stagione, ricche di vitamine e preziosi sali minerali.
  • Cereali e farine integrali, che ti aiutano a fare il pieno di energie grazie alla presenza di fibre, acido folico e vitamine del gruppo B.
  • Legumi e derivati, ricchi di fibre, proteine vegetali e ferro.
  • Prodotti lattiero-caseari, fonte di calcio.
  • Carni magre e pesce azzurro, che col loro contenuto di proteine e grassi sani aiutano il corretto funzionamento del metabolismo.

Alimentazione e allattamento al seno: e come la mettiamo con le calorie?

Se hai resistito alla tentazione di “mangiare per due” durante la gravidanza, non è certo questo il momento di cominciare a farlo!

Detto ciò, in fase di allattamento si consiglia di aggiungere alla propria dieta giornaliera circa 500 Kcal nel primo semestre, che andranno ridotte nel secondo semestre quando inizierai ad introdurre le prime pappe durante lo svezzamento. Se possibile, queste calorie aggiuntive andrebbero integrate aumentando il consumo di latte e derivati e frutta fresca.

Nell’aumentare la dose di frutta è bene limitare il consumo di quella troppo acida; in alcuni casi infatti frutta fresca, quale il limone, fa male ai denti e allo smalto che li protegge per via del suo contenuto acido (qui troverai maggiori informazioni a riguardo).

Qui troverai alcuni suggerimenti per prenderti cura della tua alimentazione durante l’allattamento al seno.

Allattamento e dieta vegana o vegetariana

Le mamme vegetariane e vegane probabilmente sapranno già che questo tipo di scelta non rappresenta un problema nei primi sei mesi di vita del lattante, in quanto sia il latte materno che quello in formula sono solitamente equilibrati dal punto di vista nutrizionale.

È però importante ricordare che il latte materno delle mamme vegane contiene una dose ridotta vitamina B12, in quanto presente solo in cibi di origine animale. In questo caso, meglio integrare alimenti addizionati o integratori, al fine di raggiungere l’apporto quotidiano raccomandato.

Inoltre, per le mamme vegetariane e vegane è consigliato arricchire la propria dose giornaliera di ferro e di zinco, dunque sì a legumi, frutta secca e semi di zucca, sesamo e girasole.

Integrare, limitare, evitare: facciamo un po’ di chiarezza

Uno degli interrogativi che emerge spesso nelle conversazioni tra mamme in fase di allattamento (e le loro mamme, nonne, zie e amiche del cuore) riguarda gli alimenti da integrare, limitare o evitare. Facciamo chiarezza:

Integrare: ricordati di tenere sotto controllo i livelli di vitamina D e calcio, in quanto sono fondamentali per la salute di mamme e lattanti. Fai specialmente attenzione se non benefici di una sufficiente esposizione al sole quotidiana.

Limitare: se sei un’amante di pesce spada o tonno, limitane l’assunzione ad una porzione a settimana; queste tipologie di pesce infatti potrebbero contenere tracce di mercurio, dannoso per la salute del tuo piccolo. Limitare anche caffè e tè ad un massimo di due al giorno per non causare insonnia o irritabilità. 

Evitare: Meglio evitare alcolici e superalcolici almeno durante i primi tre mesi di vita del neonato, dopodiché si può serenamente fare qualche eccezione. È infatti del tutto normale concedersi qualche piccola trasgressione, magari uno o due bicchieri di vino alla settimana, meglio se ai pasti e almeno 2-3 ore prima della poppata successiva.

Ciò che conta davvero è dunque seguire uno stile di vita sano e una dieta equilibrata – meglio se supportate da un partner empatico che come noi rinunci per un po’ a snack e pasticcini!

Potrebbe interessarti l’articolo Alimentazione dei bambini di 5-6 anni: consigli e errori da evitare

Questo post è scritto in collaborazione con Regenerate Italia.

You may also like

1 comment

Qual è la migliore routine serale da adottare coi bambini? – 01/14/2020 - 2:14 PM

[…] Potrebbe interessarti anche l’articolo Alimentazione e allattamento al seno: cosa c’è da sapere? […]

Leave a Comment

IT. Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per saperne di più sui cookie e su come modificare le impostazioni, consultare la Cookie Policy. EN. We use cookies to improve our website and shopping experience. To learn more about cookies and how to change settings, please consult the Cookie Policy. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy