Intervista a Nicoletta Consumi, giornalista italiana espatriata in Svezia

by Giorgia

Oggi ti racconto la storia di Nicoletta Consumi, giornalista italiana che ha lasciato l’Italia per andare a vivere in Svezia. Una scelta coraggiosa, non trovi?

Ho conosciuto Nicoletta Consumi grazie a Facebook e da subito mi ha conquistata con i suoi #TuSapessi e le sue avventure all’estero, che racconta quotidianamente sul social network. Ti va di conoscerla meglio? Allora non esitare a leggere la mia intervista.

La mia intervista a Nicoletta Consumi

Parlami di te: chi sei e da dove vieni?

N. Sono Nicoletta Consumi e vengo dalla culla del Rinascimento, Firenze. In Italia collaboravo per La Nazione ed avevo una Agenzia di Comunicazione con un socio.

Dove vivi attualmente?

N. Attualmente vivo a Stoccolma dopo aver abbandonato la mia “comfort zone” (ovvero l’Italia) nel 2013 per trasferirmi con mio marito italosvedese in Svizzera. Sono in Svezia  – invece – da circa 3 anni.

Quali sono i motivi principali del trasferimento?

N. Ci siamo trasferiti all’Estero perché amiamo entrambi le sfide ed eravamo desiderosi di crescere, non solo professionalmente. Lui ha ricoperto ruoli brillanti in Multinazionali, io sono diventata mamma di una bimba che ora ha 3 anni e sto gettando le basi per la mia attività di consulenza online in comunicazione, in lingua inglese.

Qual è stata la tua prima sensazione appena arrivata a Stoccolma?

N. Stoccolma è una città giovane, frenetica e allo stesso tempo a misura di bambino. Priva di barriere architettoniche e dalle mille opportunità. Una città dove tutto sembra essere possibile. Questo mi ha affascinata sin da subito.

Come si svolge la tua giornata a Stoccolma?

N. La mia giornata al momento si divide tra il corso di lingua svedese, la bimba, la casa e la messa a punto del mio futuro sito internet.

In questa intervista Nicoletta Consumi racconta della sua vita in Svezia.

Sei riuscita a costruire una rete di amicizie?

N. Grazie al corso di lingua e ai luoghi di ritrovo per mamme in città sono riuscita a crearmi una rete di amicizie da ogni dove: Svezia ovviamente, Grecia, Yemen, Siria, USA, Australia, Cuba etc… Ne sono molto orgogliosa.

Ci sono degli usi e costumi locali che ti hanno colpito perché diversi da quelli italiani?

N. Della Svezia mi ha colpito sin da subito il suo amore smodato per la “fika” (non è quello che stai pensando :D) ovvero la merenda o spuntino pomeridiano da consumare con amici, parenti o colleghi davanti a qualcosa di rigorosamente dolce per esempio il famoso kanelbulle. Ed io che non sono mai stata amante dei dolci mi sono dovuta “adattare”.

Vivere in Svezia ha i suoi pro ed i suoi contro come si può immaginare, il suo welfare: medico, medicine, asilo, dentista gratis per bambini da una parte, la mancanza di luce ed il lungo inverno dall’altra.

Tutto sta nell’adattamento e alla curiosità di conoscere un posto nuovo. E forse non sarà neanche l’ultimo.

Io e mio marito siamo aperti a nuove esperienze e non escludiamo la possibilità di cambiare Paese o di tornare in Italia, un giorno.

Credi saresti una mamma diversa se fossi in Italia?

N. Non credo sarei una mamma diversa in Italia, mi manca molto il mio Paese ma al momento non offre molte possibilità lavorative.

Vorrei conoscerti meglio. Mi dici 3 qualità che ti contraddistinguono?

N. Tre mie qualità: Empatica, organizzata, buona comunicatrice.

Ora 3 difetti?

N. Tre miei difetti: Ribelle, insofferente, non amo le costrizioni.

Da 1 a 10, quanto ti sostiene tuo marito nei progetti?

N. Io ho sostenuto lui 10 adesso tocca a lui fare lo stesso. O almeno lo spero. Ahahaha

Ultimo libro che hai letto…

N. I principi del successo di Jack Canfield, lo consiglio a tutti.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

N. Pubblicare un domani la mia trilogia. E’ già pronta, manca solo un editore interessato.


Grazie Nicoletta Consumi per la disponibilità e per l’utilizzo delle immagini.

You may also like

3 comments

daniela 03/27/2018 - 7:48 AM

ahaha la boutade sulla fika, che simpaticona (oltre che modesta, visto che si definisce buona comunicatrice)

Giorgia 03/27/2018 - 7:52 AM

Ciao Daniele,
Anche io ho riso tantissimo, concordo con te che Nicoletta sia davvero simpatica e modesta!!!

Vivere all'estero: Intervista ad Anna Bardazzi – once upon a dream 07/18/2018 - 5:02 AM

[…] Potrebbe interessarti anche Vivere all’estero: la storia di Nicoletta Consumi, giornalista italiana espatriata in Svezia. […]

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.